Petra | La città rosa rossa



Petra, è una città archeologica e storica situata nel governatorato di Ma'an nel regno hashemita meridionale di Giordania. È famosa per la sua architettura scolpita a mano nell'arenaria rosa nell'alto deserto della Giordania circa 2.000 anni fa e per il suo antico sistema di acquedotti. In passato si chiamava "Sila" e veniva chiamata "La Città Rosa" per via dei colori delle sue rocce contorte.


Petra

Petra è l'attrazione turistica più popolare in Giordania. Situata nella parte sud-occidentale del paese, una città nabatea è andata perduta per migliaia di anni. Riscoperto solo nel XIX secolo, il sito è una destinazione imperdibile per molti viaggiatori.

Nominata una delle nuove sette meraviglie del mondo, centinaia di migliaia di persone visitano Petra ogni anno.

I viaggiatori possono accedere a Petra dalle principali città della Giordania

L'impero nabateo costruì la città di Petra nel I secolo a.C. I Nabatei scolpirono bellissime strutture ed edifici nelle pareti del canyon di arenaria rosa e rossa, creando una città mozzafiato che fu un centro commerciale per circa 500 anni.

La città è rimasta nascosta e vuota per quasi due secoli fino a quando l'esploratore svizzero John Lewis Burckhardt ha riscoperto Petra nel 1812. La città perduta di Petra è stata dichiarata patrimonio mondiale dell'UNESCO nel 1985.

Entrare nella splendida città di Petra è un'avventura. Dopo essere arrivati ​​all'ingresso principale e aver pagato il biglietto d'ingresso, sono circa 20 minuti a piedi dalla struttura più famosa, il tesoro. Arriverete al tesoro passando per il Siq, uno stretto punto di ingresso creato quando la montagna si è divisa in due. Poiché l'antica città di Petra è così vasta, è importante indossare scarpe comode da passeggio. Per un costo aggiuntivo, i visitatori hanno anche la possibilità di andare a cavallo o prendere una carrozza per una parte del percorso verso il tesoro.

Era da Petra che i Nabatei, una comunità di maestri costruttori le cui abilità includevano ingegneria idraulica, produzione di ferro e raffinazione del rame, comandavano le rotte commerciali da Damasco all'Arabia, approfittando delle tasse pagate sulle carovane che passavano attraverso il territorio nabateo. Un terremoto nel 555 d.C. è la causa più probabile del crollo della città, ma per fortuna molte delle strutture più imponenti di Petra rimangono intatte, rendendola un tesoro di sorprese architettoniche, nascoste lungo sentieri escursionistici di varie lunghezze e difficoltà.

La città antica è raggiunta attraverso il Siq lungo 1,2 km e dalle alte mura, una crepa nella roccia, lacerata dalle forze tettoniche. Proprio quando inizi a pensare che non c'è fine al Siq, scorgi scorci mozzafiato davanti al più impressionante dei luoghi di Petra, il Tesoro, conosciuto localmente come Al Khazneh. Scolpito nell'arenaria carica di ferro per fungere da tomba, il Tesoro prende il nome dalla errata credenza locale che un faraone egiziano abbia nascosto il suo tesoro nell'urna superiore. I pilastri, le nicchie e gli zoccoli in stile greco sono veri capolavori del lavoro in muratura.

Dal Tesoro, la strada si allarga nel Siq Esterno, crivellato da più di 40 tombe conosciute collettivamente come la Strada delle Facciate. Poco prima di raggiungere il teatro da 7000 posti, consumato dalle intemperie, notare una serie di gradini sulla sinistra. Questi salgono all'High Place of Sacrifice, un altare in cima a una collina, una salita facile ma ripida di 45 minuti. Scendi dall'altra parte della montagna attraverso la Tomba del Giardino, la Tomba del Soldato Romano e il Triclinio da Giardino e segui il tuo naso fino alla Via delle Facciate, non molto dopo il Teatro.

Quasi di fronte al Teatro, noterai un'altra serie di gradini che conducono a una bella serie di facciate di tombe scavate nelle scogliere sovrastanti. Queste appartengono alle tombe reali e meritano una visita non solo perché illustrano alcune delle migliori incisioni di Petra, ma anche perché danno accesso a un altro dei luoghi mistici della città. Per salire sull'altopiano sopra le Tombe Reali (andata e ritorno di un'ora), passa la Tomba dell'Urna, con il suo portico ad arco, e cerca le scale subito dopo la Tomba del palazzo a tre piani. Se il venditore di tè in alto è disponibile, chiedigli di mostrarti una vista aerea del Tesoro. Torna da dove sei venuto o cerca una serie di gradini logori che conducono giù per un canalone alla Tomba dell'Urna.

Ritornando al Teatro, il percorso principale piega a ovest lungo la strada colonnata, un tempo fiancheggiata da negozi, passando le macerie del ninfeo in rotta verso il Tempio Grande sopraelevato e il Tempio dei Leoni Alati sul lato opposto dello wadi. Alla fine della strada colonnata, sulla sinistra, si trova l'imponente tempio nabateo conosciuto localmente come Qasr Al Bint, una delle poche strutture indipendenti di Petra.

Da Qasr Al Bint, il sentiero conduce verso due ristoranti, su entrambi i lati del wadi. Quello a sinistra è il Nabateean Tent Restaurant; quello sulla destra è il più esclusivo ristorante Basin. Entrambi offrono una buona gamma di insalate e piatti caldi. Se questi non piacciono, ci sono molte bancarelle sparse per il sito dove puoi acquistare acqua, tisane e spuntini minimi.

Dietro il Nabateo, il Tent Restaurant è la piccola collina di Al Habis (la prigione). Una serie di gradini si snoda fino a un sentiero che conduce in senso antiorario intorno alla collina con belle vedute che si affacciano sul fertile Wadi Siyagh. Alla fine, arriverete a un'altra serie di gradini in cima a una collina, il sito di un forte crociato in rovina, costruito nell'anno 1116 d.C. Le viste su Petra sono spettacolari. Calcolate un'ora per circumnavigare la collina e raggiungere il forte.

Un ponte ben viaggiato tra mare e deserto, est e ovest, il Regno hashemita di Giordania è una terra di affascinante bellezza e contrasti, dalla Valle del Giordano, fertile, in continua evoluzione, ai remoti canyon del deserto, immensi e immobili. I visitatori possono esplorare splendidi castelli nel deserto, ammirare con soggezione le inquietanti terre selvagge del Wadi Rum o fare il bagno nelle acque tranquille del Mar Rosso.

Visita la Giordania e goditi i migliori tour in Giordania e pacchetti di viaggio e tour della Giordania 2020/2021 personalizzati dai consulenti di Cairo Top Tours, scegli tra alcune delle vacanze in Giordania con i migliori itinerari dei tour in Giordania e scopri una delle civiltà più antiche del mondo.

 

Il nostro team vi aiuterà a viaggiare in Egitto e sperimentare il tempo soleggiato del nostro bel paese durante la Pasqua 2022, grazie alla loro vasta conoscenza del turismo egiziano. Puoi personalizzare il tuo pacchetto selezionando uno dei nostri pacchetti di viaggio in Egitto o sfruttare al massimo il tuo tempo in una breve visita, imparando di più sulla storia egiziana e le sue affascinanti storie e vivendola attraverso tour privati al Cairo. Partecipa a uno dei nostri tour economici in Egitto attraverso il deserto del Sahara, come i tour di Siwa dal Cairo, per esempio, o preferibilmente i tour nel Deserto Bianco d'Egitto. Scoprite i nostri tour di un giorno ad Assuan, fate una gita di un giorno da Assuan ad Abu Simbel, o viaggiate via terra e godetevi i nostri tour di un giorno a Luxor per vedere gli incredibili templi di Karnak, il Tempio di Luxor, il Tempio di Hatshepsut, e vedete le meravigliose tombe splendidamente dipinte nella Valle dei Re, questo è il luogo dove i re e i governanti del nuovo regno riposano in pace e imparate i loro riti di mummificazione e sepoltura.