Articoli Recenti

  • Gabal Shayeb Al Banat - Red Sea Mountain

    Gabal Shayeb Al Banat - Red Sea Mountain

    Gabal Shayeb Al Banat, also known as Mount Shayeb Al Banat, is a stunning mountain located in the Eastern Desert of Egypt. The mountain holds cultural significance and attracts visitors seeking natural beauty and captivating folklore.

  • Mummification Museum

    Mummification Museum

    The Mummification Museum is a unique and captivating destination that offers visitors an extraordinary glimpse into the ancient Egyptian art of mummification. It houses a vast collection of well-preserved mummies, artifacts, and interactive exhibits.

  • Sfinge nel Deserto Bianco - Formazioni di gesso bianco

    Sfinge nel Deserto Bianco - Formazioni di gesso bianco

    La Sfinge nel Deserto Bianco è una straordinaria formazione rocciosa naturale situata nel Deserto Bianco dell'Egitto. Questa struttura, che ricorda la mitica creatura dell'antica tradizione egizia, si erge in un paesaggio surreale.

  • La casa inglese in Egitto - Un'oasi relizzata dalla guerra e dalla rivoluzione

    La casa inglese in Egitto - Un'oasi relizzata dalla guerra e dalla rivoluzione

    La Casa inglese in Egitto è un punto di riferimento storico che rappresenta un'affascinante reliquia del passato tumultuoso della regione, riflettendo l'impatto della guerra e della rivoluzione sull'oasi. Immerso nel deserto egiziano, questo gioiello architettonico occupa un posto importante nella storia.

  • I migliori parchi nazionali in Egitto per scoprire il lato selvaggio del Paese!

    I migliori parchi nazionali in Egitto per scoprire il lato selvaggio del Paese!

    È risaputo che l'Egitto ha un clima caldo e paesaggi desertici, ma meno si sa dei parchi nazionali e delle riserve naturali, che costituiscono oltre il 12% dell'area geografica totale del Paese. L'Egitto ha oltre 30 parchi nazionali, ognuno dei quali ospita una varietà di piante e animali, alcuni dei quali sono indigeni dell'Egitto e si trovano solo lì. I parchi nazionali sono destinazioni popolari per gli abitanti del Cairo, la capitale, che vengono a prendere una boccata d'aria fresca lontano dal trambusto della vita cittadina. I parchi nazionali e le riserve naturali del Paese, che attirano visitatori da tutto il mondo, sono una delle principali destinazioni turistiche dell'Egitto.

  •  Rilassarsi e distendersi sulle rive dei laghi nella terra delle piramidi

     Rilassarsi e distendersi sulle rive dei laghi nella terra delle piramidi

    Le persone che preferiscono la pace e la tranquillità apprezzeranno senza dubbio la possibilità di trascorrere del tempo da soli in mezzo alle bellezze naturali dell'Egitto, vicino ai laghi. La natura offre molta privacy grazie alla tranquillità dei corsi d'acqua e al cinguettio degli uccelli. In effetti, è un luogo meraviglioso per riflettere su se stessi e rigenerarsi ammirando lo splendore della natura.

Palazzo Amir beshtak

  • 05 16, 2023

Palazzo del Principe Bashtak Il Cairo Al-Moez vanta numerosi palazzi antichi e lussuosi, tra cui il Palazzo del Principe Bashtak, situato nella zona di Al-Nahhasin, in via Al-Moez. Questo palazzo fu costruito dal principe Saif al-Din Bashtak al-Nasiri, nell'anno 740 AH - 1339 d.C..

Era di proprietà del sultano al-Nasir Muhammad, che lo acquistò dopo che il mercante di schiavi gli consigliò di comprare uno schiavo che assomigliava ad Abu Saeed Bahadur Khan, il re dei Tartari.

Questo lo fece rispettare da Al-Nasser Qalawun, che gli diede in sposa la figlia, e assunse anche la carica di Jamdar (responsabile degli abiti del Sultano), per cui troviamo Rank Bagga (simbolo) sopra le sue strutture, e la competizione fu intensa tra lui e il principe Qusun, il coppiere, e si concluse con il suo arresto e la sua uccisione in prigione nel 742 AH.

C'è un posto davvero fantastico chiamato Khan El Khalili dove ci si può divertire molto facendo cose diverse.

Il palazzo fu abitato in passato dal principe Badr al-Din Baktash e in seguito fu acquistato dagli eredi del principe Bashtak, che aggiunse al palazzo gli spazi che lo circondavano e, dopo aver completato l'edificio, lo odiò e lo vendette. Al palazzo è annessa la moschea di Al-Fajl, che ha due ingressi, uno dei quali si affaccia su via Al-Moez e il secondo su Darb Qurmuz.

Il palazzo è composto da tre piani: il piano terra comprende una sala, le stalle, i granai e le stanze della servitù, mentre il secondo piano comprende una sala per le celebrazioni.

E le camere da letto, mentre il terzo piano era destinato all'harem, ma è stato demolito, e la sala principale del palazzo è preceduta da un tetto a vista alla sua sinistra, una stanza che conduce alla sala principale, il cui soffitto è in legno e contiene decorazioni di pezzi di legno, e al centro, c'è una fontana di marmo È usato per inumidire l'aria con il suo spruzzo d'acqua volante mentre il principe e i suoi visitatori si siedono. Perpendicolarmente alla sala principale si trovano quattro iwan.

Le due iwan laterali sono state utilizzate per stabilire un livello superiore con una fila di piccoli archi ricoperti di legno di listello da utilizzare come cantanti per le donne che si sedevano dietro di loro per poter assistere alle cerimonie che si svolgevano nella sala senza che nessuno le vedesse. La sala si affaccia sulla strada con mashrabiyas per la ventilazione e l'illuminazione.

I pannelli di legno sono cavi adiacenti l'uno all'altro e decorati con due modi di colorazione e doratura.

Il palazzo ha tre facciate, la prima, che è quella verticale, si trova sul lato nord-occidentale, affacciata su via Al-Moez, ed è composta da tre piani con mashrabiyas, non in linea retta, ma in due parti, una delle quali è incassata, e l'altra è prominente, e ha disegni È altamente geometrica in bellezza, come per la seconda facciata, si trova nel lato nord-est e si affaccia sul Sentiero dei Cremisi, e ha una serie di finestre coperte. Con veli di metallo, comprende anche un cancello che conduce al palazzo.

La terza facciata, sul lato sud-occidentale del palazzo, si affaccia sul quartiere della casa del giudice, ma il visitatore del palazzo deve seguire l'ingresso attuale dopo il suo sviluppo, ed è l'ingresso che si distingue per una scala di legno decorata che conduce a una porta di legno che reca iscrizioni sul fondatore del palazzo e sulla data della sua istituzione.

Trasformazione del palazzo del principe Bashtak in un centro per la creatività artistica Il Ministero della Cultura egiziano ha cercato di trarre vantaggio da questi antichi palazzi e case del Cairo trasformandoli in centri artistici e culturali e in arene per la creatività che cercano di aumentare la consapevolezza artistica, intellettuale e culturale tra i seguaci e gli interessati. In questo contesto, il Palazzo del Principe Bashtak è stato assegnato come sede della Casa del Canto Arabo, uno dei centri di creatività artistica affiliati al Fondo per lo Sviluppo Culturale, in base alla decisione del Ministro della Cultura n. 510 del 2009.

Per questo centro è stata sviluppata una visione artistica legata alle attività della Casa del Canto Arabo, finalizzata alla presentazione di nuove voci canore e di musicisti esperti, con l'obiettivo di affrontare le ondate di declino del canto e di preservare la storia del canto arabo in modo che sia presente nelle menti delle generazioni future. Con maestria e professionalità, elogiano i tesori della musica araba e completano la marcia dei giganti di quest'arte che hanno arricchito la coscienza araba con le loro opere, ancora oggi caratterizzate da profondità e unicità.

Tag:
Condividi sui social media:

Domande frequenti sui tour in Egitto.

Leggi le migliori domande frequenti sui tour in Egitto

si trova nella strada di El Moez e potete visitarlo con altre cose come Khan El Khalili e la moschea di El Hussien

;

I partner di Cairo Top Tours

Scopri i nostri partner

EgyptAir
Fairmont
Sonesta
the oberoi