Lago Nasser



Il lago Nasser si trova nel sud dell'Egitto, è un lago artificiale che si è formato dopo la costruzione della diga di Assuan sul fiume Nilo. È diviso in due parti: una parte si trova nel sud dell'Egitto, nel La regione dell'Alto Egitto, e l'altra parte si trova nel Sudan settentrionale, ed è chiamata Lago Nuba. La capacità di stoccaggio dell'acqua all'interno del lago è di circa centotrentadue. Chilometri cubici.


Lago Nasser

Circa cinquant'anni fa, il governo egiziano ha costruito un'enorme diga ad Assuan per fermare le inondazioni del Nilo e proteggere così i raccolti. Ciò ha causato l'innalzamento del livello dell'acqua verso sud, allagando tutto ciò che incontrava.

Fu così che il deserto si riempì d'acqua e nacque il Lago Nasser, un'immensa estensione che oggi funge da confine tra Egitto e Sudan. I suoi oltre 5.000 km2 lo rendono il più grande lago artificiale del mondo, noto anche come Mar di Nubia.

Chiunque può semplicemente rimanere sbalordito dall'insolita bellezza di questo immenso mare calmo, quasi senza onde e circondato da orizzonti naturali. È un posto unico al mondo perché il deserto, inondato dal crescente Nilo, morirà letteralmente nelle acque del lago. E il risultato è un paesaggio affascinante.

Il lago Nasser è uno dei più grandi laghi artificiali al mondo costruiti tra il 1960 e il 1970 e il suo nome onora il leader rivoluzionario egiziano Gamal Abdel Nasser. Il lago è tra le bellissime terre dei Nubiani che ancora si attaccano alle loro antiche tradizioni nel corso della storia dell'Egitto. Durante l'era faraonica, la Nubia era stata uno dei regni più potenti di tutta l'Africa, ei re più potenti dell'antico Egitto provenivano effettivamente dalla Nubia, e molte delle sue usanze furono adottate dagli antichi egizi. Ma di quello splendore oggi non ci sono quasi resti archeologici e una città minoritaria che sopravvive con difficoltà tra l'Egitto meridionale e il Sudan settentrionale.

L'arrivo degli arabi in Egitto ha contribuito alla perdita dell'identità dei nubiani e la maggioranza si è convertita all'Islam. Ma fortunatamente, molti continuano a lottare per mantenere vive le loro tradizioni e mantenere la loro lingua originale.

Anche la costruzione dell'Alta Diga di Assuan ha avuto un impatto molto negativo sul patrimonio monumentale, in quanto ha segnato la fine di dozzine di templi che sono scomparsi per sempre sott'acqua. Fortunatamente, l'UNESCO ha lanciato un'operazione che ha salvato 14 templi, incluso il favoloso sito di Abu Simbel, che sono stati tagliati blocco per blocco e ricostruiti nelle aree più alte, e persino il tempio tolemaico di Philae è stato spostato sull'isola di Agilika per essere salvato dal Inondazione del Nilo.