https://sso.umk.ac.id/public/spaces/https://sso.umk.ac.id/public/posts/https://sso.umk.ac.id/public/document/https://dema.iainptk.ac.id/wp-content/toto-slot/https://mawapres.iainptk.ac.id/wp-content/apps/https://sso.umk.ac.id/public/plugin/https://sso.umk.ac.id/public/amp/https://159.203.61.47/https://dema.iainptk.ac.id/wp-content/config/https://dema.iainptk.ac.id/wp-content/jpg/https://dema.iainptk.ac.id/wp-content/tmb/https://dema.iainptk.ac.id/wp-content/kmb/https://dema.iainptk.ac.id/wp-content/amp/https://dema.iainptk.ac.id/wp-content/restore/https://dema.iainptk.ac.id/wp-content/vendor/https://dema.iainptk.ac.id/wp-content/file/https://dema.iainptk.ac.id/wp-content/vps-root/https://dema.iainptk.ac.id/wp-content/files/https://sso.umk.ac.id/public/analog/https://sso.umk.ac.id/public/etc/https://sso.umk.ac.id/public/bulk/https://138.197.28.154/https://dema.iainptk.ac.id/wp-content/json/https://dema.iainptk.ac.id/scholar/https://wonosari.bondowosokab.go.id/wp-content/upgrade/https://untagsmg.ac.id/draft/https://sso.umk.ac.id/public/web/https://dema.iainptk.ac.id/wp-content/data/https://sso.umk.ac.id/public/right/https://sso.umk.ac.id/public/assets/https://dpmptsp.pulangpisaukab.go.id/themess/https://dpmptsp.pulangpisaukab.go.id/wp-content/luar/https://sso.umk.ac.id/public/tmp/https://sso.umk.ac.id/public/font/https://dema.iainptk.ac.id/assets/https://dema.iainptk.ac.id/root/https://dema.iainptk.ac.id/wp-content/assets/https://dema.iainptk.ac.id/wp-content/nc_plugin/https://gem.araneo.co.id/https://mawapres.iainptk.ac.id/mp/https://152.42.212.40/https://mawapres.iainptk.ac.id/wp-content/nc_plugin/https://mawapres.iainptk.ac.id/wp-content/pages/https://admpublik.fisip.ulm.ac.id/wp-content/luar/https://env.itb.ac.id/wp-content/pul/https://env.itb.ac.id/wp-content/luar/https://env.itb.ac.id/vendor/https://sikerja.bondowosokab.go.id/font/https://pmb.kspsb.id/gemilang77/https://pmb.kspsb.id/merpati77/https://disporpar.pringsewukab.go.id/wp-content/filess/https://pmnaker.singkawangkota.go.id/filess/https://triathlonshopusa.com/https://websitenuri77.blog.fc2.com/
Tempio di Qaser Al Zayyan

Articoli Recenti

  • Gabal Shayeb Al Banat - Red Sea Mountain

    Gabal Shayeb Al Banat - Red Sea Mountain

    Gabal Shayeb Al Banat, also known as Mount Shayeb Al Banat, is a stunning mountain located in the Eastern Desert of Egypt. The mountain holds cultural significance and attracts visitors seeking natural beauty and captivating folklore.

  • Mummification Museum

    Mummification Museum

    The Mummification Museum is a unique and captivating destination that offers visitors an extraordinary glimpse into the ancient Egyptian art of mummification. It houses a vast collection of well-preserved mummies, artifacts, and interactive exhibits.

  • Sfinge nel Deserto Bianco - Formazioni di gesso bianco

    Sfinge nel Deserto Bianco - Formazioni di gesso bianco

    La Sfinge nel Deserto Bianco è una straordinaria formazione rocciosa naturale situata nel Deserto Bianco dell'Egitto. Questa struttura, che ricorda la mitica creatura dell'antica tradizione egizia, si erge in un paesaggio surreale.

  • La casa inglese in Egitto - Un'oasi relizzata dalla guerra e dalla rivoluzione

    La casa inglese in Egitto - Un'oasi relizzata dalla guerra e dalla rivoluzione

    La Casa inglese in Egitto è un punto di riferimento storico che rappresenta un'affascinante reliquia del passato tumultuoso della regione, riflettendo l'impatto della guerra e della rivoluzione sull'oasi. Immerso nel deserto egiziano, questo gioiello architettonico occupa un posto importante nella storia.

  • I migliori parchi nazionali in Egitto per scoprire il lato selvaggio del Paese!

    I migliori parchi nazionali in Egitto per scoprire il lato selvaggio del Paese!

    È risaputo che l'Egitto ha un clima caldo e paesaggi desertici, ma meno si sa dei parchi nazionali e delle riserve naturali, che costituiscono oltre il 12% dell'area geografica totale del Paese. L'Egitto ha oltre 30 parchi nazionali, ognuno dei quali ospita una varietà di piante e animali, alcuni dei quali sono indigeni dell'Egitto e si trovano solo lì. I parchi nazionali sono destinazioni popolari per gli abitanti del Cairo, la capitale, che vengono a prendere una boccata d'aria fresca lontano dal trambusto della vita cittadina. I parchi nazionali e le riserve naturali del Paese, che attirano visitatori da tutto il mondo, sono una delle principali destinazioni turistiche dell'Egitto.

  •  Rilassarsi e distendersi sulle rive dei laghi nella terra delle piramidi

     Rilassarsi e distendersi sulle rive dei laghi nella terra delle piramidi

    Le persone che preferiscono la pace e la tranquillità apprezzeranno senza dubbio la possibilità di trascorrere del tempo da soli in mezzo alle bellezze naturali dell'Egitto, vicino ai laghi. La natura offre molta privacy grazie alla tranquillità dei corsi d'acqua e al cinguettio degli uccelli. In effetti, è un luogo meraviglioso per riflettere su se stessi e rigenerarsi ammirando lo splendore della natura.

Tempio di Qaser Al Zayyan

  • 05 16, 2023

Tempio di Al-Zayyan a Kharga, crocevia delle due rotte commerciali dell'antico Egitto meridionale, a circa 26 chilometri a sud della città di Kharga, nella Nuova Valle, e a una distanza di 3 chilometri dal Tempio di Ghouita.

Era di particolare importanza in epoca romana, poiché era circondata da fertili terreni agricoli. Il nome attuale è (Tempio Qasr Al-Zayan), e le origini di questo nome risalgono a dopo la conquista islamica dell'Egitto, dove la convinzione prevalente era che gli alti edifici costruiti in pietra e circondati da un enorme muro fossero "palazzi", e di conseguenza questo tempio fu chiamato Qasr Al-Zayan, e la parola Al-Zayan venne messa in relazione a un vecchio occhio che si trovava sul sito, e dopo che la gente si stabilì in questo sito, il nome Palazzo Zayyan fu dato all'intera area.

La storia della costruzione del tempio risale all'epoca romana, nel periodo che precede il regno dell'imperatore Antonius Pius, che restaurò e mantenne il tempio, registrando questi lavori in greco sulla soglia della sala che conduce al Santo dei Santi. Il terzo regno dell'imperatore Antonio Pio corrisponde al 18 agosto 141 d.C..

Il tempio ha un asse sud-nord, ed è un piccolo edificio in pietra arenaria, composto da una sala che conduce al Santo dei Santi, e al centro di esso c'è un frontone nella parete settentrionale che conteneva la statua del dio "Amun Hept", che il tempio era dedicato a venerare, e intorno a questo piccolo edificio c'è un gruppo di resti edilizi È stato costruito in mattoni di fango circondato da un enorme muro contenente la porta del tempio, e la caratteristica più importante di questo tempio è la presenza di un pozzo d'acqua all'interno del muro, che forniva le necessità di vita per il servizio del tempio, così come lo era l'area adiacente al tempio, riempita con l'acqua necessaria per l'agricoltura, e raffigurando la maggior parte delle scene, l'imperatore "Antonius Pius" si trova nel corpo reale egiziano (il mento reale preso in prestito e sulla testa la doppia corona e a volte la corona del nord e la corona del sud, indossando il kilt reale, e tenendo le insegne del governo: il flagello, la bacchetta di haqqa e il nakhkh), mentre offriva offerte alle divinità egizie, in particolare al dio "Amun Hept", che aveva dedicato il tempio al suo culto.

Muhammad Kabeesh, ispettore capo delle antichità nei magazzini del museo di Kharga, ha confermato che doni e offerte furono presentati dall'imperatore al dio "Amon Hept", ma i testi più importanti sono quelli che esistono su "Nisha" nel Santo dei Santi, e questi testi documentano il destino dell'imperatore romano "Antonius Pius".

Cercando di dimostrare la sua affiliazione con il dio "Amon Hept", e ciò è avvenuto nel testo: "Sono venuto alla tua presenza, o mio padre Amon Hept, o Maestro Hept, o grande idolo, o potente, ho attraversato le montagne per amor tuo, portando tutto ciò che vi era dentro per te, mi è stata data forza in virtù del tuo forte braccio, quindi aumenta la mia forza per sconfiggere il tuo nemico e tutti i nemici".

L'Autorità per le Antichità ha effettuato scavi all'interno del tempio, che hanno compreso diverse stagioni (anni: 85, 86, 87), in cui l'ingresso al tempio e la porta sono stati ripuliti dalla sabbia, così come il corridoio tra la porta e la sala del tempio. Sono stati effettuati scavi anche nella parte tra il corridoio e il muro occidentale.

Gli scavi hanno rivelato la scoperta di un pozzo d'acqua che veniva utilizzato per trasportare l'acqua all'esterno del tempio per mezzo di tubi di ceramica.

Sono stati trovati anche molti vasi di ceramica e monete di varie forme e dimensioni. Nel tempio ha lavorato anche la missione giapponese, che ha rimosso e tradotto le iscrizioni del tempio.

Questa missione ha anche effettuato degli scavi. Nell'area a ovest del tempio, questi scavi hanno portato alla scoperta dei resti della città residenziale che si trovava accanto al tempio e che è stata datata alla fine dell'epoca romana.

Tag:
Condividi sui social media:

Domande frequenti sui tour in Egitto.

Leggi le migliori domande frequenti sui tour in Egitto

 Il tempio fu costruito in epoca tolemaica e qui si venerava Amon. La storia della costruzione del tempio risale all'epoca romana, nel periodo precedente al regno dell'imperatore Antonius Pius, che restaurò e mantenne il tempio e registrò questo lavoro in greco sulla soglia della stanza che conduce al Santo dei Santi. Il terzo regno dell'imperatore Antonio Pio corrisponde al 18 agosto 141 d.C..

;

I partner di Cairo Top Tours

Scopri i nostri partner

EgyptAir
Fairmont
Sonesta
the oberoi