Isola di Agilika ad Assuan | Philae Temple Island



Agilkia, è un'isola nell'ex bacino idrico della diga di Assuan lungo il fiume Nilo nel sud dell'Egitto. È l'attuale sito del Tempio di Philae dopo che è stato spostato da Philae, dopo essere stato sommerso dalle acque alluvionali nel 1902, Il Tempio di Philae è stato smantellato e spostato sull'isola di Agilicia, come parte di un ulteriore progetto Ampia UNESCO.


L'isola di Agilika è l'isola in cui è avvenuto il famoso salvataggio poiché il Tempio di Philae è stato spostato dalla vecchia posizione sull'isola di Philae alla nuova, più alta quota, di Agilika.

La nuova e più grande diga costruita ad Assuan per immagazzinare l'acqua del Nilo e generare energia elettrica, così preziosa per l'economia dell'Egitto, avrebbe sommerso malamente tutti i monumenti e le testimonianze archeologiche sparse in quella provincia. Le Nazioni Unite si sono riunite per raccogliere fondi, studiare e realizzare progetti difficili e complicati per salvare i siti più importanti. Oltre ai mitici templi di Abu Simbel, i lavori avrebbero coinvolto l'isola di Philae, con la particolare cura spostarono il tempio di Philae di epoca tolemaica e romana su una piccola isola ad un'altitudine maggiore, dove il Nilo non avrebbe potuto affondare quel prezioso patrimonio architettonico di oltre 2000 anni. Già la prima diga di Assuan, costruita alla fine del XIX secolo dagli inglesi, aveva provocato lo svantaggio durante i periodi precedenti in cui le chiuse funzionavano a pieno regime, le inondazioni raggiunsero il tempio di Iside e per diversi mesi del l'anno l'acqua ha invaso l'isola abbastanza da poter galleggiare con le feluche anche tra le colonne del tempio, come possono mostrare alcune vecchie fotografie.

Il processo è stato fatto perfettamente che anche le aree verdi e le pietre di granito sono state spostate per creare la stessa scena come se il tempio di Iside non fosse mai stato spostato dalla sua posizione originale.