Religione in Egitto



La religione in Egitto controlla molti aspetti della vita sociale ed è approvata dalla legge. La religione di stato dell'Egitto è l'Islam. Anche se le stime variano notevolmente in assenza di statistiche ufficiali. Dal censimento del 2006 la religione è stata esclusa, e quindi le statistiche disponibili sono stime fatte da agenzie religiose e non governative.


 

 La religione in Egitto

Il Paese è a maggioranza musulmana sunnita (con stime che vanno dall'80% al 94% circa), con il prossimo gruppo religioso più grande sono i cristiani copti (con stime che vanno dal 6% al 20%).

I numeri esatti sono oggetto di controversie, con i cristiani che sostengono che sono stati sistematicamente sottostimati nei censimenti esistenti.

L'Egitto riceve due delle principali istituzioni religiose.

La chiesa copta ortodossa fu fondata ad Alessandria, che fu fondata da San Marco a metà del primo secolo. La Moschea Al-Azhar fu fondata nel 970 d.C. dai Fatimidi come la prima università islamica in Egitto. Musulmani e cristiani In Egitto, condividono una storia comune, identificazione nazionale, etnia, società, cultura e lingua. Tra le attrazioni religiose comuni in Egitto c'è la moschea vicino alla chiesa, in cui il 2002 sotto il governo Mubarak (7 gennaio) è stato considerato una festa ufficiale in occasione del Natale in Egitto, sebbene i cristiani rappresentino il minimo nelle forze dell'ordine, la sicurezza dello stato e funzioni pubbliche e dall'essere discriminati nella forza lavoro sulla base della loro religione. Rapporti con la minoranza copta I cristiani copti, che rappresentano le più antiche religioni in Egitto, sono diventati la più grande minoranza etnica e religiosa in Egitto dopo essere entrati nella conquista islamica dell'Egitto, e ora sono più colpiti dalla legislazione che può discriminare tra loro. I copti in Egitto subirono una crescente emarginazione dopo il colpo di stato del 1952 guidato da Gamal Abdel Nasser. Fino a poco tempo fa i cristiani dovevano ottenere l'approvazione presidenziale anche per le riforme minori della chiesa. Sebbene la legge sia stata allentata nel 2005, consegnando l'autorità per approvare i sovrani, i copti non affrontano più ostacoli nella costruzione di nuove chiese.

 

Antica religione egizia L'antica religione egizia, con il suo complesso sistema di credenze e riti, era parte integrante dell'antica società egiziana. Pregava per l'interazione degli egiziani con molte divinità che si ritiene esistano e controllino il mondo, dove rituali come la preghiera e le offerte venivano presentate alle divinità per ottenere la loro soddisfazione. Una delle pratiche religiose ufficiali che si concentrava sui faraoni erano i sovrani dell'Egitto, dove credeva di possedere il potere divino attraverso la loro posizione. Agivano come intermediari tra il loro popolo e gli dei, ed erano obbligati a preservare gli dei dell'antico Egitto attraverso rituali ed esibizioni in modo che potessero preservare le loro proprietà e il loro status, poiché lo stato antico dedicava enormi risorse ai rituali religiosi e costruiva templi per il dio faraonico. Agli individui era permesso di comunicare con le divinità per i propri scopi e di chiedere aiuto attraverso la preghiera o forzando le divinità ad agire per magia. Queste pratiche erano distinte dai rituali e dalle istituzioni formali ma erano strettamente correlate ad esse. La famosa tradizione religiosa è diventata più notevole in tutta la storia egiziana con il declino dello status del Faraone. La credenza egiziana nell'aldilà e l'importanza delle pratiche funerarie è evidente nei grandi sforzi fatti per garantire che le loro vite rimangano dopo la morte, fornendo tombe e enormi beni e offerte per preservare i cadaveri e le anime dei defunti e le sue proprietà. I dettagli della credenza religiosa cambiarono con il passare del tempo, poiché le radici della religione risalgono alla preistoria in Egitto e durarono per più di 3000 anni, poiché l'importanza di alcune divinità aumentava e diminuiva e le loro complesse relazioni cambiarono in alcuni momenti , e quindi alcune divinità divennero importanti per altre, tra cui Quello è il dio del sole Ra, il dio creatore Amon e la dea madre Iside. Per un breve periodo, nella teologia promulgata dal faraone Akhenaton, un unico dio, Aten, sostituì il tradizionale pantheon. L'antica religione e leggende egiziane lasciarono molti scritti e monumenti diversi dalle grandi influenze sulle culture antiche e moderne.

 

La persona egiziana circondata dalle apparenze della natura e dipende dalla sua stessa esistenza ha concepito intorno a lui poteri divini che abitano gli elementi cosmici, in cima ai quali ci sono la terra, il cielo, l'etere e il diluvio del Nilo, nonché il sole e Luna. Queste forze, che sono state incarnate nei corpi umani, hanno cristallizzato molte divinità cosmiche di importanza generale per tutti, nella misura in cui queste divinità non sono più associate nelle loro origini a nessuna regione o città del paese perché dalla loro presenza in ogni luogo c'era non c'è bisogno di una forma organizzata di credo o di un tempio locale specifico Esatto. Secondo l'immaginazione poetica di un popolo orientale, questi ideali umani furono portati a queste divinità, come venivano indicati nel linguaggio stesso della natura umana. Abbiamo raggiunto alcuni di questi miti in piena forma e da epoche relativamente tardive, ma innumerevoli riferimenti a eventi mitici in alcuni testi antichi indicano che questi miti erano già fiorenti almeno dalla fine della Quinta dinastia. Nell'era dello stato antico, gli egiziani descrivevano Dio come stabile e fiducioso, poiché si manifesta e brilla come il sole. E stabilito, per quanto riguarda l'aspetto esterno delle loro anime, si rivela come il sole nella sua luminosità, ed è anche grande e gentile. E gli dei sono quelli che fanno il bambino e lo portano in vita e lo amano con protezione, amore ed educazione, in piedi dietro di lui, mantenendolo con la sua vita, nutrendolo e nutrendolo di virtù, salute e abbigliamento, allevando lui in alto, e nel complesso, tutta la sua vita è nelle mani di Dio. perché l'uomo è il servitore del Signore che è celibe nella sua adorazione e nel suo amore. Sebbene la maggior parte dei suddetti tratti siano attribuiti al dio (Ptah), questa è semplicemente una coincidenza, perché molti dei nomi delle bandiere che conosciamo sullo stato antico erano legati alle reliquie, la maggior parte delle quali sono state trovate nell'area di Memphis. È naturale che la frequenza dell'apparizione dell'altro nome di divinità sia derivata dai nomi di altre divinità che troviamo che l'occhio degli attributi che abbiamo trovato siano correlati ai nomi degli individui composti dal nome (Ptah) attribuito a queste divinità anche o a qualsiasi altra divinità, e in effetti alle divinità in generale.

Nell'antico concetto egiziano sembra che i destini degli esseri umani o il loro destino non siano inevitabilmente impossibili da evitare, poiché una persona è in grado di cambiare il proprio destino attraverso le sue azioni se Dio vuole che lo faccia, e finché domani è sempre (cade nelle mani di Dio) il bambino nasce accompagnato dalla cura divina, ei genitori consolidano i loro legami con gli dei così ordina che un bambino nasca da loro e da allora, una persona esercita le sue azioni solo attraverso il consenso e consenso degli dei. Gli umani suggeriscono azioni, ma Dio le impone, o come espresso da uno dei saggi egiziani (una persona parla la parola, ma la questione è al Signore). Il rituale funerario aveva lo scopo di liberare l'anima dal corpo in modo che potesse muoversi liberamente e unirsi nuovamente al corpo per poter vivere per sempre. Tuttavia, era anche importante preservare il cadavere, poiché gli egiziani credevano che il Papa tornasse al suo corpo ogni notte per ottenere una nuova vita, prima di partire la mattina

Nei primi tempi si credeva che il faraone defunto ascendesse al cielo e dimorasse tra le stelle. Nel corso dell'Antico Regno (ca. 2686–2181 a.C.), tuttavia, divenne più strettamente associato alla rinascita quotidiana del dio del sole Ra e al sovrano degli inferi Osiride mentre quelle divinità diventavano sempre più importanti.

Nelle credenze completamente sviluppate dell'aldilà del Nuovo Regno, l'anima doveva evitare una varietà di pericoli soprannaturali nel Duat, prima di subire un giudizio finale, noto come "Pesatura del cuore", condotto da Osiride e dai Valutatori di Maat. In questo giudizio, gli dei hanno confrontato le azioni del defunto mentre era in vita (simboleggiato dal cuore) con Maat, per determinare se si fosse comportato in conformità con Maat. Se il defunto era giudicato degno, i suoi ka e ba erano uniti in un akh. Diverse convinzioni coesistevano sulla destinazione dell'Akh. Spesso si diceva che i morti abitassero nel regno di Osiride, terra lussureggiante e piacevole negli inferi. La visione solare dell'aldilà, in cui l'anima defunta viaggiava con Ra nel suo viaggio quotidiano, era ancora principalmente associata alla regalità ma poteva estendersi anche ad altre persone. Nel corso del Medio e dei Nuovi Regni, l'idea che l'Akh potesse anche viaggiare nel mondo dei vivi, e in qualche misura influenzare magicamente gli eventi lì, divenne sempre più prevalente. Scopri di più sulla religione antica e moderna in Medio Oriente quando viaggi in Egitto attraverso una varietà di tour classici in Egitto, pacchetti classici in Egitto, pacchetti di viaggio in Egitto, tour di un giorno in Egitto, tour di un giorno al Cairo e tour di un giorno al Cairo dall'aeroporto per visitare il I musei egiziani e i vari templi istituiti per onorare quelle divinità dell'Egitto come la culla delle civiltà, è tempo di esplorare l'Egitto accompagnato dalle nostre guide professionali durante i tour di un giorno a Luxor, i tour di un giorno ad Assuan e i tour privati ​​in Egitto per vedere i risultati dei famosi faraoni mentre ti godi le vacanze in Egitto e i pacchetti vacanza in Egitto e quando fai un passo ai piedi degli unici monumenti rimasti dalle sette meraviglie del mondo durante il tour delle piramidi di Giza e della Sfinge, il tour del Museo Egizio, Valle dei Re, Tour del Cairo copto e Cairo islamico, nonché tempio di Karnak e tutte le meraviglie quando pianifichi i tuoi tour in Egitto.

Il nostro team vi aiuterà a viaggiare in Egitto e sperimentare il tempo soleggiato del nostro bel paese durante la Pasqua 2022, grazie alla loro vasta conoscenza del turismo egiziano. Puoi personalizzare il tuo pacchetto selezionando uno dei nostri pacchetti di viaggio in Egitto o sfruttare al massimo il tuo tempo in una breve visita, imparando di più sulla storia egiziana e le sue affascinanti storie e vivendola attraverso tour privati al Cairo. Partecipa a uno dei nostri tour economici in Egitto attraverso il deserto del Sahara, come i tour di Siwa dal Cairo, per esempio, o preferibilmente i tour nel Deserto Bianco d'Egitto. Scoprite i nostri tour di un giorno ad Assuan, fate una gita di un giorno da Assuan ad Abu Simbel, o viaggiate via terra e godetevi i nostri tour di un giorno a Luxor per vedere gli incredibili templi di Karnak, il Tempio di Luxor, il Tempio di Hatshepsut, e vedete le meravigliose tombe splendidamente dipinte nella Valle dei Re, questo è il luogo dove i re e i governanti del nuovo regno riposano in pace e imparate i loro riti di mummificazione e sepoltura.