Monastero di Santa Caterina



Il monte Sinai si trova nel luogo in cui Dio apparve a Mosè nel roveto ardente, sotto il monte del decalogo. Nella provvidenza di Dio, è anche su questo sito che sono custodite le sacre reliquie di Santa Caterina. Questo è il più antico monastero cristiano abitato, con una storia che risale a diciassette secoli.


Monastero di Santa Caterina

Fu costruito nell'anno 527 d.C. dall'imperatore Giustiniano, sui resti di una cappella eretta dall'imperatrice Elena nel 337 d.C., nel punto in cui la tradizione vuole che Mosè vide il roveto ardente e Dio gli parlò lì.

Santa Caterina subì il martirio ad Alessandria nel IV secolo. Secondo la storia, è stata torturata sulla ruota, decapitata e portata via dagli angeli. Il monastero prese il nome nel X secolo, quando i monaci affermarono di aver trovato il suo corpo intatto sul monte di Santa Caterina, la montagna più alta d'Egitto (2642 m).

Circondato da alte montagne di granito rosso, il monastero è rimasto completamente isolato per molti anni. Per arrivarci i pellegrini dovevano affrontare un viaggio lungo e difficile, ma oggi lo attraversa una strada facilmente percorribile, collegata ai principali centri abitati della costa. È visitato quotidianamente da centinaia di persone. Di conseguenza, il piccolo villaggio di Santa Caterina è intasato di autobus turistici, soprattutto al mattino. Le montagne circostanti sono di una bellezza sorprendente, è comune salire sulla vetta del Monte Sinai per godere del panorama del luogo dove secondo la tradizione Mosè ricevette i Dieci Comandamenti.

All'interno del complesso murato, la Chiesa del VI secolo ornata di colonne di roccia circondate da monumentali pilastri in marmo e pareti ricoperte di icone e dipinti dorati. All'estremità orientale della chiesa. Nella parte superiore dell'abside sopra l'altare si trova uno dei tesori d'arte più sbalorditivi, il mosaico della Trasfigurazione del VI secolo, sebbene possa essere difficile vederlo attraverso lampadari e icone iconiche. A sinistra e in fondo all'altare c'è l'area più sacra del monastero, la Chiesa del Roveto ardente, ed è vietata al pubblico.

Il monastero è stato visitato da pellegrini provenienti da tutto il mondo, molti dei quali hanno sfidato viaggi molto difficili e pericolosi per raggiungere il sito remoto e remoto. Oggi, la strada di accesso asfaltata ha rimosso i pali che accompagnavano un viaggio qui e il monastero è diventato un popolare viaggio giornaliero dalle escursioni di Sharm El Sheikh e Dahab.

Puoi anche vedere quello che si crede sia il discendente dell'originale cespuglio bruciato nel complesso del monastero, e mentre i visitatori tagliano pezzi di cespuglio per portarli a casa come benedizioni, l'area circostante è ora recintata. Vicino al roveto ardente si trova il Pozzo Musa, una fontana naturale che dovrebbe dare felicità coniugale a coloro che ne bevono.

Il pezzo più sacro del Monastero di Santa Caterina è la Cappella del Roveto Ardente, una piccola stanza dietro l'altare della basilica. È spesso chiuso al pubblico e coloro che entrano devono togliersi le scarpe, proprio come fece Mosè quando si avvicinò al roveto ardente secondo il Sacro Corano ''. E quando vi arrivò, fu chiamato: "O Mosè, In verità, io sono il tuo Signore, quindi togliti i sandali. In verità, sei nella valle sacra di Tuwa, e io ti ho scelto, quindi ascolta ciò che è rivelato [a te] ''. (11,12,13 Surah Taha).

La biblioteca del monastero, la seconda più grande al mondo, comprende una collezione inestimabile di bibbie miniate e antichi manoscritti, inclusa una copia scritta a mano del Nuovo Testamento, ed è stata riaperta al pubblico dopo tre anni di restauro.

Appena dentro le mura del monastero, troverai un negozio di souvenir che vende repliche di icone. Nel più ampio parco del monastero, fuori dalle spesse mura, si trova la casa degli ospiti.

La terra è rocciosa lì, quindi i monaci hanno creato il giardino dell'abbazia portando il terreno da altrove. Contiene alberi da frutto tra cui "olive, albicocche e pesche" e produce una varietà di ortaggi.

Quando i monaci muoiono, vengono sepolti per la prima volta nel cimitero. Dopo che i loro corpi sono stati decomposti, le loro ossa vengono estratte e trasportate alla casa del camion. Nell'ossario si possono vedere le ossa di migliaia di monaci defunti, con pile separate per gambe, mani, piedi, costole e teschi. Martiri e arcivescovi sono in bare aperte. Dentro la porta, vestito.

L'isolamento del monastero ha funzionato per salvare le sue icone più antiche durante l'ottavo secolo, quando l'imperatore bizantino "Leone III" ordinò la distruzione di qualsiasi immagine raffigurante Gesù o uno dei santi. Queste prime icone sono naturali e prive di stile e regole per le icone successive.

I tesori artistici più caratteristici del monastero sono il mosaico insolito per "la Trasfigurazione di Gesù" sopra l'altare della chiesa, è possibile vedere questi mosaici ben conservati del XVI secolo dietro le icone dorate risalenti al XVII secolo.

Una caratteristica insolita del complesso del monastero è la moschea. Originariamente realizzato nel VI secolo come rifugio per i pellegrini, fu trasformato in moschea nel 1106 ad uso dei beduini locali.