Deir el-Bahari cache



È noto come The Royal cache e si trova vicino a Deir el Bahary nei Necrobolis tebani di fronte all'antica città di Luxor. Successivamente è stato utilizzato come deposito per le mummie reali durante la ventunesima dinastia.


Deir el-Bahari cache

Deir el-Bahari cache Cimitero 320 a Tebe, noto tra gli archeologi egiziani come il nascondiglio di Deir el-Bahari e il nascondiglio di Luxor, e conosciuto a livello internazionale come DB320 e infine TT320, che è un cimitero reale situato sulla terraferma occidentale del Nilo, di fronte all'attuale città di Luxor , e comprendeva le mummie e le attrezzature funebri di oltre cinquanta figure faraoniche di alto rango tra re e regine Principi e nobili di diverse dinastie si alternarono al governo dell'Egitto Usi del cimitero È probabile che la tomba sia stata originariamente costruita per Benozem II, il sommo sacerdote di Amon Batiba, sua moglie Naskhenso e alcuni stretti familiari.

Binozem II morì nel 969 a.C. I giorni del crollo dell'impero egizio in vari aspetti della vita, che hanno reso le tombe reali un luogo ambito per i ladri e per chi cerca rapidamente ricchezze o anche per chi cerca il proprio sostentamento quotidiano.

Ciò spinse i sacerdoti a trasferire le mummie reali in questo cimitero per preservarle dopo che Nabshah le derubò delle tombe e prese tutto ciò che era adornato con gioielli e ornamenti. Scopri il cimitero ed estrai il suo contenuto Il buco d'ingresso alla tomba 320 Durante l'estate del 1871, un ladro del villaggio di Sheikh Abd al-Qurna, un membro della famiglia Abd al-Rasool che era stato abile nel rubare antichità, scoprì un cimitero pieno di bare di legno accatastate l'una sull'altra e la maggior parte di queste bare erano coperte di pretese reali e un cobra reale era disegnato su ciascuna di esse sul davanti. Era noto ai ladri che credevano che i tiranni e l'archeologia sulla fronte fossero le caratteristiche speciali delle bare dei re solo, a causa della loro precedente esperienza nel furto di antichità, e poi hanno nascosto la questione e hanno iniziato a vendere ciò che erano in grado di recuperare dal cimitero mobili e oggetti personali dei re ivi sepolti, rotoli di papiro e alcune piccole statue a collezionisti di antichità, sia egizi che stranieri, che hanno attirato l'attenzione delle autorità locali, soprattutto dopo la comparsa di molti manufatti che non erano registrati nei musei egizi nei mercati di antichità e antiquariato in Europa, in particolare a Parigi, che li ha spinti a fare irruzione nella casa della famiglia Abdel Rasoul e trovare ciò che hanno estratto dal cimitero, dopo che i ladri differivano tra loro e il più anziano Il fratello maggiore nella famiglia, Mohamed Ahmed Abdel Rasoul, è stato chiamato a divulgare il segreto e informare le autorità di Qena, che ha condotto indagini per diversi anni senza ottenere alcun progresso, sia conoscendo l'ubicazione del cimitero che i responsabili della fuoriuscita di queste antichità all'estero. Poi la fantasia del pubblico iniziò a parlare di scatole di legno piene di monete d'oro, ornamenti preziosi e amuleti. Temendo che ciò che restava nel cimitero sarebbe stato raggiunto da altri ladri, la polizia e l'Autorità egiziana per le antichità (il Consiglio supremo delle antichità a quel tempo) hanno estratto in fretta ciò che era rimasto nel cimitero. Entro 48 ore, sotto la supervisione dell'egittologo tedesco Emil Bruges (noto come Berksh Pasha, sottosegretario dell'Autorità egiziana per le antichità) nel 1881. Nonostante le disposizioni di sicurezza che erano state preparate, ciò non ha impedito la scomparsa di un cesto contenente cinquanta statue di porcellana rivestita di blu. Il cimitero è una voragine collegata ad una testa pozzo verticale che termina con due pietre collegate da un corridoio corridoio di circa 40 metri di lunghezza, la lunghezza totale del cimitero raggiunge circa 70 metri, i primi dieci metri dei quali sono formati con il corridoio principale nella forma della lettera L, e questa lacuna fu coperta un po 'nel 1881, poi fu aperta una volta nel 1882, e sia Maspero che Bruges si recarono da essa per studiarla in modo permanente, mentre Maspero trasferiva e traduceva le iscrizioni sui muri, e li ha ri-studiati di nuovo nel 1938, e dal 1998 un team congiunto russo-tedesco guidato da Erharv Gray ha studiato e restaurato la tomba.

Il nostro team vi aiuterà a viaggiare in Egitto e sperimentare il tempo soleggiato del nostro bel paese durante la Pasqua 2022, grazie alla loro vasta conoscenza del turismo egiziano. Puoi personalizzare il tuo pacchetto selezionando uno dei nostri pacchetti di viaggio in Egitto o sfruttare al massimo il tuo tempo in una breve visita, imparando di più sulla storia egiziana e le sue affascinanti storie e vivendola attraverso tour privati al Cairo. Partecipa a uno dei nostri tour economici in Egitto attraverso il deserto del Sahara, come i tour di Siwa dal Cairo, per esempio, o preferibilmente i tour nel Deserto Bianco d'Egitto. Scoprite i nostri tour di un giorno ad Assuan, fate una gita di un giorno da Assuan ad Abu Simbel, o viaggiate via terra e godetevi i nostri tour di un giorno a Luxor per vedere gli incredibili templi di Karnak, il Tempio di Luxor, il Tempio di Hatshepsut, e vedete le meravigliose tombe splendidamente dipinte nella Valle dei Re, questo è il luogo dove i re e i governanti del nuovo regno riposano in pace e imparate i loro riti di mummificazione e sepoltura.